PARROCCHIE DEL TERRITORIO DI

CASALE CORTE CERRO (VB)

logo1

 

Stend

angelo Buglio

Chiesa Ramate_r

parrocchia di

SAN GIORGIO

MARTIRE

Casale Corte Cerro

parrocchia di

SAN TOMMASO

APOSTOLO

Montebuglio con Gattugno

parrocchia di

SAN LORENZO

E SANT’ANNA

Ramate

via Roma, 6

28881 Casale Corte Cerro (VB)

telef. e fax 0323 60123

parrocchiecasalecc@alice.it

via Canton di Sotto, 4/5

frazione Montebuglio

28881 Casale Corte Cerro (VB)

telef. 0323 643028

via San Lorenzo, 1

frazione Ramate

28881 Casale Corte Cerro (VB)

telef. 0323 60291

 

parroco unico arciprete don Pietro Segato              coadiutore padre Joseph Irudaya Raj

cell. 342 0740896                                            cell. 340 2628831

 

 

ORARI DELLE FUNZIONI

 

 

 

CASALE

MONTEBUGLIO

RAMATE

Giorni feriali

 

Giorni feriali

S. Messa             ore 18,15

         mercoledì  ore 09,00

         chiesa parrocchiale

 

S. Messa          ore 18,00

         chiesa parrocchiale

Giorni prefestivi

Giorni prefestivi

Giorni prefestivi

S. Messa        ore 18,00

         chiesa parrocchiale

S. Messa        ore 18,30

         chiesa di Gattugno

S. Messa        ore 20,00

         chiesa parrocchiale

Giorni festivi

Giorni festivi

Giorni festivi

S. Messe

         ore 08,00   11,00

         chiesa parrocchiale

S. Messa

         ore 09,30

         chiesa parrocchiale

S. Messa

         ore 10,30

         chiesa parrocchiale

 

N.B. Gli orari sopra riportati possono subire variazioni in occasioni particolari. Per informazioni dettagliate consultare i bollettini parrocchiali settimanali all’apposita sezione. Negli oratori frazionali vengono celebrate funzioni in occasione delle festività locali o in suffragio dei defunti. Anche in questo caso si possono reperire notizie nei bollettini parrocchiali settimanali.

 

 

 

 MENU

IN PRIMO PIANO

 

 

Notizie dì per dì (blog)

 

Bollettini parrocchiali

 

Oratorio Casa del Giovane

 

Catechismo

 

Gruppo Chierichetti

 

GMG Madrid 2011

 

GREST

 

Attività varie

 

Celebrazioni festive nelle

         parrocchie limitrofe

 

I sacerdoti

 

Notizie storiche

 

Chiese e oratori

 

Canti liturgici

 

Atti del Sinodo Diocesano

2016

 

Bollettino UPM

 

--  oOo  --

 

Liturgia quotidiana

 

Liturgia delle ore

 

Bibbia online

 

Santi e Beati

 

Link ai siti amici

 

 

CENTRO ESTIVO

Continua il Centro Estivo dell’UPM 15 di Gravellona Toce, intitolato “All’opera”. Per gli iscritti di Casale informiamo i genitori che potranno portare i loro figli all’Oratorio dalle ore 7.30 alle ore 8.30 e venire a riprenderli, nello stesso luogo, alle ore 18.00. Si paga settimana per settimana € 30.00 a testa il lunedì mattina.

Per informazioni telefonare ai recapiti 342 074 0896 o 340 262 8831.

_________________________________________________________

 

DON MASSIMO RINGRAZIA

Il comitato San Giorgio si è recato a visitare don Massimo Minazzi nella sua nuova parrocchia dell’alto Verbano e gli ha consegnato i proventi delle iniziative svoltesi in paese tra aprile e maggio – oltre 2200 euro – affinché possa continuare a sostenere la comunità di Kamenge, in Burundi, dove per anni è stato missionario. Il sacerdote ha inviato ai casalesi una lettera di ringraziamento nella quale descrive la situazione del villaggio africano e spiega nel dettaglio quali opere potranno essere sostenute attraverso la loro generosità.

 

 

 

 

 

 

IL PENSIERO DI DON PIETRO

Esegesi della Parola festiva

Domenica 1 luglio 2018

 

 

 

DIO NON HA CREATO LA MORTE…GESU’ NE DA’ CONFERMA

(Sap. 1,13-15; Mc 5,21-43)

Oggi, il tema che la Parola di Dio affronta è molto tosto, infatti, ci invita a riflettere sul male e sulla morte nella prospettiva di una vita nuova ed eterna, in quanto non più soggetta né al male né alla morte. La semplice osservazione delle realtà create ci fa dire che il male e la morte appartengono ad esse essendovi entrate “per l’invidia del diavolo”. (Sap 2,24) E’ altrettanto semplice e pacifico affermare che nessuno potrà mai sfuggire al momento ultimo della vita naturale, nonostante una certa tendenza culturale cerchi in qualche modo di mettere sotto silenzio o di nascondere la morte. Questa è la condizione dentro la quale l’uomo è chiamato a vivere la vita. Ma l’uomo non è stato creato da Dio per la morte, e Gesù è venuto a darne conferma. Come per l’invidia del diavolo è entrata nel mondo la morte, così per l’amore di Gesù, la vita nuova che ha sconfitto la morte, ha fatto il suo ingresso nel mondo. Tuttavia, ciò è avvenuto a “caro prezzo”, nel senso che Gesù ha accettato la passione e la morte in croce. Gesù ha toccato il fondo della morte e con la sua risurrezione tocca ogni uomo, al fine di partecipargli la sua vita. Così, Gesù vince la morte, ma ciò non significa che la morte si possa evitare; anzi, essa è come la porta che permette ad ogni essere umano di varcare la soglia della vita in pienezza, data dal totale abbandono in Dio. E la fede diventa la condizione necessaria per partecipare al dono della vita in pienezza, che Gesù ci ha conquistato: “Figlia, la tua fede ti ha salvata”. “Non temere, soltanto abbi fede!” Così parlò Gesù all’emorroissa e al padre della bambina poi morta. Per la vittoria di Gesù sulla morte i cristiani si qualificano come uomini di speranza, impegnati a tradurre tale speranza in un servizio a tutte le forme di vita uscite dalle mani del Creatore. In tal senso i cristiani testimoniano in concreto la vittoria di Gesù su ogni forma di morte che attanaglia gli umani, promuovendo la vita in tutte le sue fasi e in tutte le sue condizioni. Là dove vi sono bambini da proteggere, donne da preservare dalla violenza, sofferenti da curare, anziani da accudire, profughi ed esiliati da accogliere, poveri ai quali ridare dignità, i credenti in Cristo devono adoperarsi al massimo delle loro possibilità e convinzioni. Non si può essere cristiani e al tempo stesso essere tiepidi o indifferenti nei confronti della vita. Come ebbe a dire recentemente papa Francesco: “Sono amareggiato al vedere tanti cristiani indifferenti di fronte ai fratelli bisognosi e in difficoltà”. I credenti in Cristo si qualificano quali promotori di una cultura di vita contro una cultura di morte sempre più diffusa.

                                                                                                                 don Pietro

 

 

 

 

 

 

SPAZIO CARITAS

 

 

 

 

Centro di Ascolto Caritas

via Roma, 13 – Baitino

28881 Casale Corte Cerro

telefono 0323 60123

aperto ogni mercoledì, dalle 10,00 alle 11,30

 

Il “Gruppo Caritas Interparrocchiale”, al suo sesto anno di attività, cerca nuovi volontari per far fronte alla sempre crescente richiesta di aiuto, e nuove derrate alimentari per riempire gli scaffali, sempre vuoti, della dispensa.

 

Pubblicato il bilancio delle attività per il 2017. Lo trovate qui.

 

Si ricorda che è sempre valido l’invito a portare generi alimentari a lunga scadenza nei contenitori in fondo alle nostre chiese, nelle case parrocchiali di Casale e Ramate o direttamente al centro d’ascolto negli orari di apertura.

 

 

 

 

parrocchie on line

I PERCHÉ DI UNA SCELTA

 

 

 

“I credenti avvertono sempre più che se la Buona Novella non viene fatta conoscere anche nell’ambiente digitale, potrebbe essere assente nell’esperienza di molti, per i quali questo spazio esistenziale è importante.”

(Jorge Bergoglio - papa Francesco 1°)

 

Nel dicembre del 2008, con la destinazione di don Erminio Ruschetti ad altro incarico, le tre parrocchie del territorio di Casale Corte Cerro venivano affidate a don Pietro Segato, che alcuni mesi prima era arrivato a Casale a sostituire don Enrico Manzini.

Da quel momento è iniziato un lento, ma costante cammino di avvicinamento delle tre comunità di cui questo sito vuole rappresentare una tappa importante.

Si sentiva da tempo l’esigenza di uscire dalla semplice, seppur efficace, logica dei bollettini parrocchiali distribuiti brevi manu su foglietti ciclostilati. Sempre più la comunicazione è affidata ai moderni strumenti informatici e le comunità cattoliche non possono sottrarsi a questi meccanismi se vogliono continuare ad essere realtà viva e presente nel tessuto sociale, ambienti con proposte di vita serie e credibili, soprattutto nei confronti dei più giovani tra i loro componenti. E’ così che un gruppo di volontari, spronato da padre Joseph, giovane e dinamico coadiutore di don Pietro, ha deciso di lanciarsi nell’avventura e provare a ‘navigare’ nel grande oceano telematico.

Quella che trovate qui è una scommessa con il futuro, un tentativo di essere presenti e protagonisti. Un esperimento che, per aver successo, ha bisogno dell’aiuto di tutti quegli ‘uomini (e donne) di buona volontà’ che gli angeli chiamarono a raccolta più di duemila anni fa nella lontana Betlemme. Chiunque abbia voglia di provarci sarà il benvenuto.

Fatevi sentire!..

Scrivete a  parrocchiecasalecc@alice.it

                                                                                                                      Febbraio 2010

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La Parrocchie di Casale Corte Cerro sono anche su Facebook                                       fb

 

sitica1

 

 

webmaster MBM-CCC 2